Bandiera Blu per la spiaggia di Tortoreto

Riconoscimenti Bandiera Blu

Tortoreto, una splendida località balneare sull’Adriatico

Il mare di Tortoreto è stato riconosciuto come uno dei più puliti e premiato con la Bandiera Blu.

La Bandiera Blu è un riconoscimento conferito dalla FEE (Foundation for Environmental Education) ai paesi costieri europei che soddisfano criteri di qualità relativi a parametri delle acque di balneazione e al servizio offerto, tenendo in considerazione, ad esempio, la pulizia delle spiagge.

Istituita nel 1987, anno europeo per l'ambiente, la campagna è curata in tutti gli stati dagli organi locali della FEE che, attraverso un Comitato nazionale di Giuria, effettuano delle visite di controllo delle cittadine candidate per poi proporre alla FEE Internazionale le candidature della nazione.

Il riconoscimento viene assegnato ogni anno a spiagge in più di trenta paesi del mondo in Europa, Sudafrica, Nuova Zelanda, Canada e nei Caraibi secondo i criteri scelti dalla FEE.

La Bandiera Blu viene consegnata per due meriti: la Bandiera Blu delle spiagge certifica la qualità delle acque di balneazione e dei lidi, mentre la Bandiera Blu degli approdi turistici assicura la pulizia delle acque adiacenti ai porti e l'assenza di scarichi fognari.

Per quanto riguarda le spiagge, il primato 2007 spetta alla Toscana con 15 bandiere, seguita dalla Liguria con 13, subito dopo c’è l’Abruzzo con ben 12 bandiere assegnate. Spicca tra le città Tortoreto, che vince la Bandiera Blu  la prima volta nel 1992 e poi continuativamente dal 1998 al 2017.

L'Hotel Venezia è inoltre dotato di un impianto fotovoltaico installato sul tetto della struttura. Grazie a tale impianto, il sistema fotovoltaico riesce a captare e trasformare l’energia solare disponibile, rendendola utilizzabile sotto forma di energia elettrica e riducendo al minimo qualsiasi tipo di emissione inquinante.

Tortoreto, nel 2014 un mare da "10 e lode"! Nel 2013 Abruzzo meta ideale del turismo.

Clicca qui per visualizzare l'articolo in pdf

Clicca qui per visualizzare l'articolo in pdf
Italia Abruzzo TurismoConsorzio Costa dei Parchi d'Abruzzo